un luogo dove si parla di un po' di cose…

L’estate diabolika. Un mistero lungo vent’anni.

L

Riconosciuto come uno tra imassimi esperti della nona arte, Smolderen si “impadronisce” del personaggio di Diabolik per offrirci un album in due parti – la prima che si svolge nel 1967 e la secondo nel 1987 – che combina sapientemente suspense, spionaggio, umorismo e romanticismo. Getta vari elementi di disturbo e distilla indizi un po’ ovunque per realizzare una storia dall’atmosfera tesa ed intrigante. Insomma, non ci si annoia mai. Dal canto suo, Clérisse crea una parte grafica strepitosa che ci catapulta perfettamente negli anni sessanta, con colori sgargianti e appariscenti, un aspetto visivo ispirato alla pop art, con momenti psichedelici che aggiungono fascino al già bellissimo aspetto visivo complessivo.

Alexandre Clérisse

Molte le citazioni in quest’opera, da Diabolik – ovviamente – a Blow Up di Antonioni, ed altre ancora, disseminate per tutta la bande dessinée. L’estate diabolika è originale, non banale e molto accattivante, sia narrativamente che visivamente. I due autori dimostrano una padronanza perfetta tanto nella sostanza quanto nella forma e la speranza è che continuino a collaborare anche in futuro.

 

(Retro) Meraviglia.


 

L’estate diabolik (Lété Diabolik, Dargaud, 2015)

storia: Thierry Smolderen disegni e colori: Alexandre Clérisse

Bao Publishing pag.168 colore cartonato 2016


   

È l’estate del 1967 e Antoine Lafarge, quindicenne giovane promessa del tennis e voce narrante della storia, sta passando alcuni giorni con il padre in un paesino sulla costa francese, mentre la madre e la sorella sono in viaggio in Irlanda. Il giovane stringe amicizia con Erik, suo avversario sui campi da tennis, con cui trascorre i giorni successivi nel divertimento e nella scoperta dei primi sentimenti ed inquieti turbamenti, tappe fondamentali per la crescita di un adolescente. Sarà in questo periodo che Antoine farà le sue prime esperienze con il sesso, avrà la sua prima delusione d’amore e le sue prime esperienze con le droghe (LSD). Ma saranno anche giorni pieni di strani eventi ed incidenti, dallo scontro con una misteriosa figura mascherata alla scomparsa del padre. Suo malgrado, Antoine si ritroverà al centro di avvenimenti inspiegabili, ai quali proverà a dare una risposta solo a distanza di vent’anni quando, ormai uomo, ricostruirà gli eventi di quell’estate con l’aiuto di informazioni reperite nel corso degli anni.

Dopo il (retro) futuristico e sorprendente Souvenir dall’Impero dell’Atomo (2013), Bao Publishing pubblica L’estate diabolika (Lété Diabolik, Dargaud-Lombard, 2015), seconda collaborazione della coppia Alexandre Clérisse Thierry Smolderen. La storia, che inizia come un romanzo di formazione, con le emozioni e i sentimenti confusi e turbolenti di un adolescente intento a fare i “conti” con i turbamenti dell’adolescenza, poco alla volta si trasforma in un racconto di spionaggio e di regolamenti di conti sullo sfondo della guerra fredda.

Lasciata la (retro) fantascienza del precedente Souvenir dall’Impero dell’AtomoThierry Smolderensi dedica al (retrothriller di spionaggio. Utilizzando una narrazione lineare, costruisce una doppia trama (la seconda a distanza di vent’anni dalla prima), distillando indizi e disseminandoli man mano che la tensione sale e le domande si accumulano facendosi più insistenti. Utilizzando abilmente i codici identificativi di quegli anni – la liberazione sessuale, la guerra fredda, lo spionaggio, le sostanze allucinogene, la politica – Smolderen affascina il lettore con una trama viva e sapientemente ben dosata, senza lasciarlo mai fino alla conclusione della storia. E poi c’è lui, Diabolik, che qui ha più il “sapore” della versione cinematografica di Mario Bava che di quella cartacea delle sorelle Giussani, punto di partenza per il dipanarsi della storia e misteriosa figura usata abilmente, senza cadere nella banalità, per punteggiare la narrazione di mistero. Thierry Smolderen dà vita ad una storia che gioca tra introspezione ed azione, spy-story e racconto d’iniziazione, ricca di misteri. Una storia in cui le delusioni sono molteplici, almeno quanto lo sono i misteri. Un racconto che attrae con la sua narrazione precisa ed evocativa, evolvendosi sotto i nostri occhi e guidandoci attraverso le vicende di Antoine, dei suoi turbamenti adolescenziali e dello spionaggio tra Francia ed URSS.

L’estate diabolika

Correlati...

L’estate diabolika

Correlati...

L’estate diabolika

Correlati...

L’estate diabolika

Correlati...

L’estate diabolika è anche un omaggio ai sixties, probabilmente il più riuscito degli ultimi anni, ma non è solo questo, è qualcosa di più. Con i suoi disegni, Alexandre Clérisse è infatti andato oltre, illustrando una vera e propria “ricostruzione storica” visiva, sapientemente ricercata e documentata. Gli abiti, le acconciature, gli edifici, tutto è perfettamente al suo posto. I suoi disegni sono un vero e proprio salto nel passato. Le sue tavole restituiscono in pieno la sensazione di trovarsi proprio negli anni ’60 e le illustrazioni immergono completamente nella loro atmosfera psichedelica. L’uso magistrale di un tratto grafico tipico di certe illustrazioni pubblicitarie, o dei titoli di testa e di coda di molti film di quegli anni (specialmente americani), i colori accesi che diventano scuri all’occorrenza, i personaggi ben caratterizzati, le scelte grafiche – notevoli gli edifici mostrati in “sezione” – contribuiscono a rendere questo graphic novel un’esperienza visiva notevole ed intrigante. Non si tratta però solo di un fattore estetico – per altro eccelso – in quanto ogni dettaglio è così funzionale alla storia da divenirne esso stesso un elemento narrativo, un tassello indispensabile al servizio di una vicenda tanto affascinante quanto avvincente e al quale è fortemente legato. Clérisse si conferma uno dei più dotati disegnatori del panorama fumettistico moderno, in grado di far assurgere la scenografia a ruolo di protagonista, che passa così da “semplice” contorno a parte attiva dell’azione, di cui ne stabilisce i ritmi con un riuscitissimo montaggio cinematografico, dinamico ed avvincente.

Tra la disillusione di Françoise Sagan (Bonjour Tristesse) e le severe spy-story di John Le Carré, L’estate diabolika esamina i rapporti che uniscono due persone. Sentimenti come la tenerezza, l’amore e l’amicizia – siano essi tra genitori e figli, amici o amanti. Cosa si cela dietro ad un sorriso o alla dolcezza? Domande che Smolderen e Clérisse si erano già poste nel precedente Souvenir dall’Impero dell’Atomo e che ora vengono riproposte, come un leitmotiv evidentemente caro agli autori. La prima parte del libro, quella ambientata nel 1967 e che ne occupa tre quarti, si conclude con molte domande e poche risposte. Eppure, ne sarebbe una conclusione sufficiente e misteriosa, proprio come la storia che la precede, che mi sento di consigliare di leggere la seconda solo dopo qualche tempo. Infatti, la logica razionalità della conclusione, fin troppo “facile” (la lettera del padre a spiegazione dei fatti), stona con l’aura di mistero che pervade tutta la prima parte. Un ritorno alla “normalità” che un po’ dispiace, ma che comunque non guasta la bontà di un opera che visivamente e narrativamente convince e stupisce.

Thierry Smolderen

Riconosciuto come uno tra imassimi esperti della nona arte, Smolderen si “impadronisce” del personaggio di Diabolik per offrirci un album in due parti – la prima che si svolge nel 1967 e la secondo nel 1987 – che combina sapientemente suspense, spionaggio, umorismo e romanticismo. Getta vari elementi di disturbo e distilla indizi un po’ ovunque per realizzare una storia dall’atmosfera tesa ed intrigante. Insomma, non ci si annoia mai. Dal canto suo, Clérisse crea una parte grafica strepitosa che ci catapulta perfettamente negli anni sessanta, con colori sgargianti e appariscenti, un aspetto visivo ispirato alla pop art, con momenti psichedelici che aggiungono fascino al già bellissimo aspetto visivo complessivo.

Alexandre Clérisse

Molte le citazioni in quest’opera, da Diabolik – ovviamente – a Blow Up di Antonioni, ed altre ancora, disseminate per tutta la bande dessinée. L’estate diabolika è originale, non banale e molto accattivante, sia narrativamente che visivamente. I due autori dimostrano una padronanza perfetta tanto nella sostanza quanto nella forma e la speranza è che continuino a collaborare anche in futuro.

 

(Retro) Meraviglia.


 

L’estate diabolik (Lété Diabolik, Dargaud, 2015)

storia: Thierry Smolderen disegni e colori: Alexandre Clérisse

Bao Publishing pag.168 colore cartonato 2016


   

È l’estate del 1967 e Antoine Lafarge, quindicenne giovane promessa del tennis e voce narrante della storia, sta passando alcuni giorni con il padre in un paesino sulla costa francese, mentre la madre e la sorella sono in viaggio in Irlanda. Il giovane stringe amicizia con Erik, suo avversario sui campi da tennis, con cui trascorre i giorni successivi nel divertimento e nella scoperta dei primi sentimenti ed inquieti turbamenti, tappe fondamentali per la crescita di un adolescente. Sarà in questo periodo che Antoine farà le sue prime esperienze con il sesso, avrà la sua prima delusione d’amore e le sue prime esperienze con le droghe (LSD). Ma saranno anche giorni pieni di strani eventi ed incidenti, dallo scontro con una misteriosa figura mascherata alla scomparsa del padre. Suo malgrado, Antoine si ritroverà al centro di avvenimenti inspiegabili, ai quali proverà a dare una risposta solo a distanza di vent’anni quando, ormai uomo, ricostruirà gli eventi di quell’estate con l’aiuto di informazioni reperite nel corso degli anni.

Dopo il (retro) futuristico e sorprendente Souvenir dall’Impero dell’Atomo (2013), Bao Publishing pubblica L’estate diabolika (Lété Diabolik, Dargaud-Lombard, 2015), seconda collaborazione della coppia Alexandre Clérisse Thierry Smolderen. La storia, che inizia come un romanzo di formazione, con le emozioni e i sentimenti confusi e turbolenti di un adolescente intento a fare i “conti” con i turbamenti dell’adolescenza, poco alla volta si trasforma in un racconto di spionaggio e di regolamenti di conti sullo sfondo della guerra fredda.

Lasciata la (retro) fantascienza del precedente Souvenir dall’Impero dell’AtomoThierry Smolderensi dedica al (retrothriller di spionaggio. Utilizzando una narrazione lineare, costruisce una doppia trama (la seconda a distanza di vent’anni dalla prima), distillando indizi e disseminandoli man mano che la tensione sale e le domande si accumulano facendosi più insistenti. Utilizzando abilmente i codici identificativi di quegli anni – la liberazione sessuale, la guerra fredda, lo spionaggio, le sostanze allucinogene, la politica – Smolderen affascina il lettore con una trama viva e sapientemente ben dosata, senza lasciarlo mai fino alla conclusione della storia. E poi c’è lui, Diabolik, che qui ha più il “sapore” della versione cinematografica di Mario Bava che di quella cartacea delle sorelle Giussani, punto di partenza per il dipanarsi della storia e misteriosa figura usata abilmente, senza cadere nella banalità, per punteggiare la narrazione di mistero. Thierry Smolderen dà vita ad una storia che gioca tra introspezione ed azione, spy-story e racconto d’iniziazione, ricca di misteri. Una storia in cui le delusioni sono molteplici, almeno quanto lo sono i misteri. Un racconto che attrae con la sua narrazione precisa ed evocativa, evolvendosi sotto i nostri occhi e guidandoci attraverso le vicende di Antoine, dei suoi turbamenti adolescenziali e dello spionaggio tra Francia ed URSS.

L’estate diabolika

Correlati...

L’estate diabolika

Correlati...

L’estate diabolika

Correlati...

L’estate diabolika

Correlati...

L’estate diabolika è anche un omaggio ai sixties, probabilmente il più riuscito degli ultimi anni, ma non è solo questo, è qualcosa di più. Con i suoi disegni, Alexandre Clérisse è infatti andato oltre, illustrando una vera e propria “ricostruzione storica” visiva, sapientemente ricercata e documentata. Gli abiti, le acconciature, gli edifici, tutto è perfettamente al suo posto. I suoi disegni sono un vero e proprio salto nel passato. Le sue tavole restituiscono in pieno la sensazione di trovarsi proprio negli anni ’60 e le illustrazioni immergono completamente nella loro atmosfera psichedelica. L’uso magistrale di un tratto grafico tipico di certe illustrazioni pubblicitarie, o dei titoli di testa e di coda di molti film di quegli anni (specialmente americani), i colori accesi che diventano scuri all’occorrenza, i personaggi ben caratterizzati, le scelte grafiche – notevoli gli edifici mostrati in “sezione” – contribuiscono a rendere questo graphic novel un’esperienza visiva notevole ed intrigante. Non si tratta però solo di un fattore estetico – per altro eccelso – in quanto ogni dettaglio è così funzionale alla storia da divenirne esso stesso un elemento narrativo, un tassello indispensabile al servizio di una vicenda tanto affascinante quanto avvincente e al quale è fortemente legato. Clérisse si conferma uno dei più dotati disegnatori del panorama fumettistico moderno, in grado di far assurgere la scenografia a ruolo di protagonista, che passa così da “semplice” contorno a parte attiva dell’azione, di cui ne stabilisce i ritmi con un riuscitissimo montaggio cinematografico, dinamico ed avvincente.

Tra la disillusione di Françoise Sagan (Bonjour Tristesse) e le severe spy-story di John Le Carré, L’estate diabolika esamina i rapporti che uniscono due persone. Sentimenti come la tenerezza, l’amore e l’amicizia – siano essi tra genitori e figli, amici o amanti. Cosa si cela dietro ad un sorriso o alla dolcezza? Domande che Smolderen e Clérisse si erano già poste nel precedente Souvenir dall’Impero dell’Atomo e che ora vengono riproposte, come un leitmotiv evidentemente caro agli autori. La prima parte del libro, quella ambientata nel 1967 e che ne occupa tre quarti, si conclude con molte domande e poche risposte. Eppure, ne sarebbe una conclusione sufficiente e misteriosa, proprio come la storia che la precede, che mi sento di consigliare di leggere la seconda solo dopo qualche tempo. Infatti, la logica razionalità della conclusione, fin troppo “facile” (la lettera del padre a spiegazione dei fatti), stona con l’aura di mistero che pervade tutta la prima parte. Un ritorno alla “normalità” che un po’ dispiace, ma che comunque non guasta la bontà di un opera che visivamente e narrativamente convince e stupisce.

Thierry Smolderen

Riconosciuto come uno tra imassimi esperti della nona arte, Smolderen si “impadronisce” del personaggio di Diabolik per offrirci un album in due parti – la prima che si svolge nel 1967 e la secondo nel 1987 – che combina sapientemente suspense, spionaggio, umorismo e romanticismo. Getta vari elementi di disturbo e distilla indizi un po’ ovunque per realizzare una storia dall’atmosfera tesa ed intrigante. Insomma, non ci si annoia mai. Dal canto suo, Clérisse crea una parte grafica strepitosa che ci catapulta perfettamente negli anni sessanta, con colori sgargianti e appariscenti, un aspetto visivo ispirato alla pop art, con momenti psichedelici che aggiungono fascino al già bellissimo aspetto visivo complessivo.

Alexandre Clérisse

Molte le citazioni in quest’opera, da Diabolik – ovviamente – a Blow Up di Antonioni, ed altre ancora, disseminate per tutta la bande dessinée. L’estate diabolika è originale, non banale e molto accattivante, sia narrativamente che visivamente. I due autori dimostrano una padronanza perfetta tanto nella sostanza quanto nella forma e la speranza è che continuino a collaborare anche in futuro.

 

(Retro) Meraviglia.


 

L’estate diabolik (Lété Diabolik, Dargaud, 2015)

storia: Thierry Smolderen disegni e colori: Alexandre Clérisse

Bao Publishing pag.168 colore cartonato 2016


   

About the author

Anders Ge.

Add Comment

un luogo dove si parla di un po' di cose…

Articoli recenti

Instagram

Get in touch