Uscito alla fine del 2003, per la regia di DeZ Vylenz, “The Mindscape of Alan Moore” è un documentario sulla storia ed i lavori del Bardo di Northampton.

La pellicola analizza la vita e le scelte lavorative e non di Alan Moore, le sue idee, il suo mondo, il suo pensiero. Oltre ad essere un importante documento su uno dei maggiori e più influenti artisti moderni, la pellicola assume anche una notevole rilevanza per il fatto di essere l’unica, allora come oggi, a cui Alan Moore abbia mai collaborato direttamente, dando anche il permesso di utilizzare i suoi lavori.
Questo assicura anche un grado di realtà e fedeltà a quanto raccontato senza precedenti per quanto riguarda Moore, il quale non ha mai avuto un grande rapporto di stima con televisione e cinema.
Sono passati dodici anni da quando uscì questo documentario, ma quello che in esso si vede è ancora Alan Moore, il Bardo di Northampton, il maestro, il Magus, il grande artista, l’Uomo!
Fatevi un grandissimo favore: recuperatelo e guardatelo.
E fatelo dedicandogli molta attenzione, perché ogni singola parola di quest’uomo è, quantomeno, da recepire ed elaborare.
Magari potete non essere d’accordo con lui, ma resta il fatto che Alan Moore è una persona che va ascoltata, sempre con grande attenzione.

A priori.

 

NB

Una dovuta precisazione: ho ritenuto più corretto inserire questo articolo anche nella sezione “Fumetti”, anche se in realtà si tratta di un documentario video, per il fatto che il “Magus” è legato e conosciuto principalmente per i suoi lavori nel mondo della “Nona Arte”.